Home Page
 
   
  Chi siamo
Presentazione  
Indirizzi  
E-mail  
Dicono di noi  
  Pubblicazioni
La pubblicità e i suoi contratti tipici
La tutela del profitto  
La società per azioni  
Codice commentato del leasing  
Manuale del trasporto  
Lesione del credito  
Il danno biologico  
Locazione finanziaria  
Obbligazioni pecuniarie  
Il factoring come emptio spei  
  Studi in corso  
Sociologia del diritto  
Internet e globalizzazione  
Commercio elettronico  
  Testi disponibili

e materie trattate

 
Profitto  
Leasing  
Diritto civile  
Diritto d'impresa  
Diritto amministrativo e tributario  
Diritto penale  
PubblicitÓ  
Trasporto  
Link utili  
Divagazioni  

 

Cliccate qui per contattarci

 22 INCIDENTE STRADALE

- In caso di incidente stradale imputabile al conducente del veicolo, il concedente Ŕ responsabile a termini dell'art. 2054, 3░ comma c.c., ma pu˛ rivalersi, a termini di contratto, sull'utilizzatore. (Trib. Milano, 5.4.1984).

- Il concedente, citato come responsabile ex art. 2054, 3░ comma c.c., deve essere messo fuori causa a termini degli art. 116 e 117 c.p.p., in quanto Ŕ da ritenersi proprietario senza disponibilitÓ dell'autoveicolo. (Trib. Treviso ord. 16.2.1979).

- Il concedente ha diritto al risarcimento dei danni subiti dall'autoveicolo nei confronti del responsabile dell'incidente e della sua assicurazione. (Trib. Milano, 25.6.1979).

- Nel leasing la disponibilitÓ del veicolo Ŕ dell'utilizzatore, e non del concedente, quindi in applicazione analogica dell'art. 2054, comma 3░ c.c. Ŕ solidalmente responsabile con il concedente, l'utilizzatore. (Trib. Milano, 19.11.1981).

- Il concedente, citato come responsabile civile deve essere escluso dal procedimento a termini degli artt. 116 e 120 c.p.p., in quanto con la concessione in leasing ha perso la disponibilitÓ dell'autoveicolo. (Trib. Torino ord., 29.6.1982).

- In base all'art. 2054, 3░ comma c.c., la responsabilitÓ Ŕ collegata alla disponibilitÓ effettiva del veicolo. Ne consegue che responsabile del danno Ŕ l'utilizzatore. (Trib. Milano ord., 13.1.1984 in Resp. Civ. Cir., 1984, 101, nota Scalfi).

- Nel leasing automobilistico solo l'utilizzatore Ŕ responsabile dei danni derivanti dalla circolazione dell'autoveicolo. (Trib. Bari, 19.2.1987, in Riv. it. leasing, 1987, 266)

- Il proprietario che ha ceduto la vettura in locazione finanziaria, venendosi in forza di tale contratto a trovare privo del potere di disponibilitÓ del veicolo, deve essere dichiarato carente di legittimazione passiva di fronte ad una domanda risarcitoria per danni conseguenti alla circolazione dell'autoveicolo, cosý come il proprietario nel caso di usufrutto o vendita con riservato dominio. (Trib. Macerata, 7.7.1987).

- La societÓ finanziaria che acquista un bene, scelto ed individuato da un terzo, al fine di concederlo a quest'ultimo in locazione finanziaria, non ne assume la titolaritÓ formale, ma ne diviene proprietaria. L'operazione di leasing, sottostante all'acquisto del bene, non vale a snaturare la compravendita del bene medesimo che trasferisce la proprietÓ all'acquirente societÓ di leasing, la quale diviene titolare di tutti i diritti ed i doveri inerenti al bene acquistato. Tant'Ŕ che, ove l'utilizzatore non eserciti il diritto di opzione per l'acquisto, la proprietÓ del bene permane alla societÓ senza alcuna formalitÓ successiva. L'utilizzatore del bene, d'altra parte, assume contrattualmente su di sŔ il complesso di responsabilitÓ che sostanzialmente competono a chi ha sulla cosa la disponibilitÓ tipica del proprietario, con la conseguenza che pu˛ estendersi nei suoi riguardi la normativa dell'art. 2054, terzo comma, c.c. (Trib. Milano, 17.9.1990, sent. n. 6211).

 

 

GIURISPRUDENZA: ALTRI ARGOMENTI

- Appropriazione Indebita

- Assicurazione

- Azienda

- Azioni esperibili

- Canoni in generale

- Canoni; risoluzione e inadempimento

- Canoni e fallimento

- Cessione del contratto di leasing

- Circolazione senza copertura assicurativa

- Clausola di esonero della responsabilitÓ

- Clausola di conguaglio

- Clausola risolutiva espressa (validitÓ)

- Clausole vessatorie

- Competenza

- Compravendita

- Conclusione del contratto

- Evizione

- Frode alla legge

- Furto e perimento della cosa

- Garanzia per vizi

- Inadempimento

- Inadempimento in generale

- Inadempimento e fideiussione

- Inadempimento e opzione

- Inadempimento e vendita del bene

- Inadempimento e penale

- Inadempimento del concedente

- Inadempimento del fornitore

- Incidente stradale

- Ingiunzione

- I.V.A. sui canoni scaduti

- Legittimazione processuale nelle azioni di danno

- Norme antinfortunistiche: violazione

- Obbligo di riacquisto del fornitore

- Opzione

- Pagamento di canoni successivo alla dichiarazion e

  di risoluzione

- Patto commissorio

- Penale

- Pignoramento

- Prescrizione

- Provenienza furtiva del bene

- ResponsabilitÓ civile

- ResponsabilitÓ civile del fornitore

- ResponsabilitÓ penale del concedente

- ResponsabilitÓ penale e tributaria

- Restituzione anticipata del bene: casistica

- Revocatoria ordinaria

- Riscatto del bene

- Risarcimento del danno

- Risarcimento danni da incidente stradale

- Risoluzione del contratto

- Risoluzione della vendita

- Risoluzione del contratto: effetti

- Ritardata restituzione del veicolo

- Ritenzione dei canoni percetti

- Ritrovamento (del veicolo rubato); effetti 

- Sequestro

- Simulazione relativa

- Sospensione

- Successione

- Trasporto senza licenza

   
Copyright Studio Legale Nigra